Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
NUOVO NUMERO DI TELEFONO FEDERALE +39 06 3609331
images/Campionato_Italiano_luglio_2019/medium/Modern_2019.jpg
Gare

Modern e gruppi Synchro, due discipline ad alto tasso di spettacolarità

A Rimini le competizioni non si fermano mai. Ieri l’attenzione maggiore è stata rivolta al Teatro Broadway e all’Arena Bianca. In entrambi i padiglioni sono andate in scena due discipline dall’alto tasso di spettacolarità. Stiamo parlando del Modern Contemporary per le Danze Accademiche e della Synchro Latin, Freestyle e Battle per le Danze Coreografiche.

Sono state 254 le unità competitive che si sono date filo da torcere nelle specialità del Modern mentre oltre 170 sono state quelle impegnate nelle coreografiche. Il tasso atletico richiesto agli atleti è altissimo soprattutto per le specialità Synchro dove, oltre all’agonismo, viene ricercata una perfezione nel sincronismo, nel movimento, nei passi e nell’esecuzione del gruppo.

La Modern invece ha nel suo Dna sportivo quello di poter attingere a un ampio repertorio di tecniche ma l’ampiezza della scelta non deve ingannare pensando di trovarci di fronte ad una disciplina più semplice. Ad ogni atleta, infatti, è richiesta un’altissima competenza nello svolgimento e nell’esecuzione della sua esibizione, il suo deve essere un bagaglio di capacità sportive molto accurate e specifiche, in pista deve saper trasmettere energia e classe rispettando sempre gli stili.

E' stato un’altra giornata dove sport, competizione, passione, sacrificio, aspettative personali e collettive sono state il cuore pulsante di questi dodicesimi Campionati Italiani di Danza Sportiva.