Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Disco Dance

Accolta con sufficienza da chi attribuiva un valore "politico e non commerciale" alla musica, la Disco Dance si è prepotentemente affermata sulle note di una musica costruita più per far ballare che per essere ascoltata.

Rimbalzata e diffusa in tutto il mondo negli Anni Settanta-Ottanta aveva messo le sue radici, un decennio prima, nelle megadiscoteche statunitensi. A cominciare ovviamente dal mitico “Studio 54”, la discoteca newyorkese più famosa al mondo. Era nata la disco music, ma in realtà musica e ballo in questo genere sono risultati inscindibili sin dal primo momento. Al punto che la transizione della definizione da disco music a disco dance è stato del tutto fisiologico.

Per la precisione va anche detto che prima degli Anni Ottanta si trattava di musica e ballo quasi esclusivamente prerogativa di afroamericani. The Sound of Philadelfia e Rock Your Baby, due successi musicali planetari, sdoganarono la diffusione della disco music-disco dance facendone un fenomeno Pop colossale che avrà interpreti musicali e di danza di straordinario talento. Per le gare ufficiali il ritmo arriva a frequenze di 140 bpm.

Responsabile tecnico nazionale di disciplina: Giancarlo Tarabella (provv. 368/2018)

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); if (typeof RokBoxSettings == 'undefined') RokBoxSettings = {pc: '100'};