Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
NUOVO NUMERO DI TELEFONO FEDERALE +39 06 3609331

Flamenco

Dire Flamenco è dire Spagna. Anzi, per la precisione, Andalusia. Eppure a ben scavare nella storia ha radici che si ramificano nella cultura dei musulmani (che abitarono la penisola iberica) e degli Ebrei. In tanti attribuiscono questa danza al popolo gitano (che in effetti ne sono i custodi principali), ma questo ballo esisteva già prima del suo arrivo in Spagna nel 1400. 

Un equivoco che storicamente è stato a lungo “supportato” anche dalla “Carta Marruecas”, un documento che nel 1774 fu scritto da José Cadalso, personaggio dell’Illuminismo che fu allo stesso tempo scrittore e militare.

Musica e danza hanno ritmi e forme così singolari che ne assicurano il ricordo spontaneo in frazioni di secondo: la mente viene subito proiettata in scenari che ricordano la Spagna. Eppure anche le discussioni e le ricerche sull’origine del suo nome conducono a terre e civiltà più lontane. Secondo alcuni, infatti, il nome deriverebbe da “felag mangu” che in arabo significa contadino sfuggente.

Responsabile tecnico nazionale di disciplina: Elisabetta Mascitelli (provv. 108/2019)

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); if (typeof RokBoxSettings == 'undefined') RokBoxSettings = {pc: '100'};