Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/medium/Cortesia_Breakdance.jpg
Area Sport

Mondiali di Break Dance, i “Fantastici 4” alla conquista dalla Cina

Il cielo della Cina si tinge di Azzurro. La Nazionale italiana di break dance vola a Nanjing per il Campionato del Mondo di Breaking targato WDSF. Il 23 giugno a rappresentare l’Italia della danza sportiva scenderanno in pista i “Fantastici 4” della FIDS: Alessandra Cortesia (Bgirl Lexy); Alex Mammì (Bboy Lele); Eleonora Mereu (Bgirl Kobra) e Mattia Schinco (Bboy Bad Matty).  

Gli Azzurri arrivano a questo appuntamento mondiale con alle spalle una lunga gavetta sportiva fatta di gare nazionali ed internazionali. I loro curricula, nonostante la loro giovane età - sono tutti nati negli anni duemila – raccontano un percorso personale e sportivo che li ha portati nell’arco di pochi anni a diventare fra i migliori giovani italiani nell’arte Street. Il loro score internazionale parla chiaro: tre ori, due argenti e una medaglia Olimpica. Tutti titoli conquistati nell’ultimo anno sportivo che li rendono fra gli atleti più competitivi nella loro disciplina e specialità.

Ad accompagnare gli Azzurri nella loro avventura in Cina, il CT della Nazionale di break dance Giuseppe Di Mauro (Bboy Kacyo) mentre in rappresentanza della FIDS ci sarà il Vicepresidente Vicario Edilio Pagano.

Per chi volesse seguire le performance sportive degli Azzurri, il loro avvicinamento al mondiale, le loro storie e i loro allenamenti la FIDS ha creato un profilo Instagram dedicato: #breakingfids (https://www.instagram.com/p/ByxC_pOgDuQ/?igshid=m0jmnzp0pilw).

«Per la Federazione, per il CONI e per l’Italia della danza sportiva l’appuntamento con la Cina riveste una grandissima importanza – ha dichiarato il presidente della FIDS, Michele Barbone - perché le Urban Dance ed in particolare la Break, stanno catalizzando l’attenzione dei vertici mondiali sportivi a partire dal CIO che già si è espresso favorevolmente per l’ingresso della break dance  nelle Olimpiadi di Parigi del 2024. Questa apertura per il nostro movimento sportivo - ha proseguito - è un riconoscimento alla grande credibilità e professionalità del nostro mondo che ogni anno riscuote successi e apprezzamenti a livello internazionale dove guadagna sempre più attenzione e prestigio. Per i nostri ragazzi - ha concluso Barbone - è l’occasione per aumentare la loro esperienza internazionale, per confrontarsi con atleti fortissimi e per mettere in mostra come l’Italia della break sia fra le migliori scuole in Europa in questa arte sportiva – ha concluso».