Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/medium/Sara_Baruffetti.jpg
Area Sport

Sulle ali del vento per Sara una vittoria di libertà e di concretezza

Per lei la break è libertà. A 13 anni è una pluricampionessa di Break nella categoria Junior. Si è da pochi giorni riconfermata campionessa europea. Detiene il titolo Mondiale e a settembre sarà pronta a difenderlo nuovamente. Stiamo parlando di Sara Baruffetti giovanissima campionessa della FIDS che a Rimini ha gareggiato sulle ali del vento.  

Quando hai iniziato?

Ho iniziato a 4 anni, ma avrei dovuto iniziare prima. Solo che ero troppo piccola e a casa avevano paura che mi facessi male.

Perché la break?

È stato tutto spontaneo. A tre anni, me l’ha raccontato mamma, eravamo ad un saggio a scuola di mia sorella, come sono partite le basi musicali il mio istinto è stato quello di salire sul palco, di interagire con l’atmosfera che mi circondava.

Come è andata la gara?

Pensavo che il livello degli atleti fosse più basso invece il livello qui a Rimini è stato altissimo mi sono dovuta impegnare tantissimo per vincere le sfide, gli avversari erano molto molti forti. È stato durissimo riconfermarmi ma la felicità è indescrivibile.

Sei anche l’attuale Campionessa Mondiale?

Sì in Polonia allo scorso Mondiale sono diventata Campionessa. Ora a settembre in Germania ci sarà da tornare in pista per difendere il titolo per l’Italia, sperando di far bene come all’Europeo riconfermando il titolo.

Cosa è per te la break?

Ballare la break per me è liberatorio. Mi sento bene, sono felice, mi sento libera. Quello che cerco è tutto nella break.