Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
NUOVO NUMERO DI TELEFONO FEDERALE +39 06 3609331
images/medium/Scadenza-31.jpg
La Federazione

Stagione sportiva prolungata al 31 dicembre. Nessun onere aggiuntivo per affiliati e tesserati

Non è stato un Consiglio Federale di… routine. Non lo è stato perché il Consiglio Federale ha adottato e, in alcuni casi, ha dovuto adottare provvedimenti che sono stati condizionati e/o imposti dalle restrizioni imposte dal Governo in relazione alla diffusione della pandemia Covid-19. Non è stata una sessione “ordinaria” soprattutto perché il Consiglio federale, nell’ambito di una “strategia dell’emergenza” subito messa a punto, è stato chiamato a elaborare le azioni necessarie per attenuare al massimo le ricadute sulle società sportive.

Azioni che, come vedremo dai singoli provvedimenti, oltre al supporto finanziario e all’estensione del tesseramento (senza alcun onere) a tutto il 2020 prevede l’integrazione di nuove forme di collaborazione e di formazione digitale attraverso la realizzazione di una nuova piattaforma permanente. Nella sintesi introduttiva del quadro delle decisioni federali vanno aggiunte la complessa attività di riprogrammazione dei calendari delle competizioni nazionali e regionali e le decisioni delle federazioni internazionali in relazione allo svolgimento delle Assemblee generali.

Ecco il dettaglio dei lavori e delle decisioni.

RESOCONTO SOMMARIO

Il Consiglio federale, rigorosamente in videocall, si è svolto il 28 maggio 2020.

In apertura dei lavori sono stati approvati all'unanimità il verbale della seduta del 24 aprile e le delibere assunte d'urgenza dal Presidente Federale. Tra queste l’immediata adozione dei protocolli applicativi di sicurezza e l’individuazione degli atleti di interesse nazionale.

Il Presidente ha poi informato il Consiglio sul provvedimento del Comitato Italiano Paralimpico che ha assegnato alla FIDS € 47.700 per i contributi alle ASD che praticano discipline paralimpiche, delegando la Federazione all’individuazione dei percipienti per l’erogazione nel rispetto di criteri, requisiti e modalità già definiti dalla Giunta Nazionale del CIP nella riunione del 25 maggio.

Per quanto riguarda ulteriori contributi, comunicati attraverso i canali social del Governo e del CONI, si è in attesa delle comunicazioni operative.

ATTIVITA' AMMINISTRATIVA - Il Consiglio ha approvato le modifiche di budget relative alle attività interessate dall’emergenza che investono principalmente l’annullamento degli eventi e delle attività annuali nazionali/internazionali per le quali è previsto il finanziamento d’ufficio.

Allo stesso tempo sono stati approvati i contributi agli organi territoriali per proseguire nelle attività di promozione sportiva con particolare riguardo agli adempimenti amministrativi per cui sono stati erogati fondi finalizzati. Sono inoltre stati deliberati contributi premianti per le regioni che hanno generato un incremento di tesserati favorendo così la diffusione della disciplina. Svettano Veneto, Lombardia, Calabria, Umbria, Abruzzo, Liguria e Provincia di Bolzano.

Su proposta del Presidente è stata approvata una prima nota di variazione al Bilancio Preventivo del 2020 (minori entrate ed uscite per oltre 2.600.000 €) dovuta alla gravità della situazione epidemiologica legata alla diffusione del virus COVID-19 che ha legittimato l’emanazione di numerosi provvedimenti legislativi ed amministrativi, finalizzati a contenere e limitare la diffusione della pandemia attraverso misure di carattere altamente restrittivo, prevedendo prescrizioni e limitazioni per tutta la popolazione nonché la sospensione di gran parte delle attività, commerciali e produttive, ivi incluse quelle che hanno investito il settore sportivo in cui opera la Federazione Italiana Danza Sportiva.

Proprio in ragione di tale situazione di emergenza e straordinarietà e dei provvedimenti del Governo che si sono succeduti rapidamente e che ancora sono in corso di emanazione (D.P.C.M., D.L., D.M. ed Ordinanze Regionali, Ordinanze della Protezione Civile), si è preso atto del divieto di svolgere attività sportiva a tutti i livelli: l’annullamento delle gare programmate sia a livello regionale sia a livello nazionale (oltre alla partecipazione a gare internazionali annullate sino al 31 agosto 2020) è stato un atto ineluttabile e dovuto.

Tuttavia, in considerazione della nuova situazione di emergenza e delle ricadute che a cascata hanno coinvolto le società e gli atleti il Consiglio Federale ha deciso di intervenire con azioni mirate a favore delle Associazioni Sportive e di tutti i tesserati. Per questo, primo fra tutti è stato deliberato, senza alcun onere aggiuntivo, il prolungamento della stagione 2019/2020 dal 31 agosto al 31 dicembre. Pertanto, dal 1° gennaio 2021 la durata dell’anno sportivo coinciderà con l’anno solare.

Tale intervento ha richiesto risorse pari a € 115.000  dal bilancio d’esercizio 2019 e € 780.000  nel 2020 per complessivi € 895.000: si tratta di una cifra assai significativa come appare evidente per il fatto che si tratta del 12% dell’intero bilancio federale.

AVVITA' TECNICA – Il Consiglio Federale sta proseguendo le analisi di possibile riprogrammazione del Campionato Italiano e ha dato avvio allo studio per la calendarizzazione dei Campionati Regionali da svolgersi nel prossimo autunno. Sulla base dei medesimi presupposti sono state annullate fino al 31 agosto tutte le attività competitive federali.  Saranno da preferire, inoltre, le sessioni di formazione on line nella nuova piattaforma di prossima apertura. La FIDS ha preso atto, inoltre, della riprogrammazione delle Assemblee Generali Annuali di IDO e WRRC mentre sta valutando con i propri consulenti legali la decisione della WDSF di non celebrare per il 2020 l’AGM.

A completamento della riforma del Settore Arbitrale il Consiglio Federale ha deliberato l’avvio dei corsi/esami per giudice di gara federale per tutte le discipline previste dal Regolamento dell’Attività Sportiva Federale (ad eccezione delle danze standard e latino-americane già interessate negli anni dalla formazione del corpo arbitrale).