Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
NUOVO NUMERO DI TELEFONO FEDERALE +39 06 3609331
images/medium/Festival_dello_Sport_1.jpg
La Federazione

Il Festival dello Sport apre a ritmo di Breaking

Sarà la breakdance, neodisciplina olimpica che dovrebbe fare il suo debutto ufficiale ai Giochi di Parigi 2024, ad aprire la seconda edizione del Festival dello Sport 2019 che si svolgerà a Trento dal 10 al 13 ottobre. 

La rassegna sportiva con il titolo “Il Fenomeno, I Fenomeni”, organizzata da “La Gazzetta dello Sport” e da Trentino Marketing, con la collaborazione di Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Apt di Trento e con il patrocinio del CONI e del Comitato Italiano Paralimpico ha deciso di affidare alla FIDS e ad una delle sue discipline principe l’inaugurazione della kermesse sportiva.

Sarà oggi, giovedì 10 ottobre il giorno del debutto della Breaking nel mondo degli sport e per l’occasione la FIDS (Federazione Italiana Danza Sportiva) ha preparato uno spettacolo di puro agonismo che vedrà protagonisti alcuni dei breaker più affermati in campo internazionale e che, in un viaggio storico-sportivo, racconterà l’evoluzione della breaking dalla sua storia più recente fino ad arrivare ad oggi.

I primi atleti ad esibirsi saranno Giuseppe Di Mauro, in arte Bboy Kacyo responsabile tecnico della Nazionale di Breakdance della federazione, vincitore del Red Bull BC One (2010), della Battle of the Year (2014) e componente della crew “De Klan”, fra le più affermate e conosciute in Italia con 5 vittorie in 5 edizioni della Battle of the Year.

In pista con Kacyo ci sarà anche Gabriele Quaranta in arte Bboy Omed finalista al Battle of the Year e anche lui componente della “De Klan”. Chiuderà il terzetto Damiano Muni in arte Bboy Movycube finalista al Red Bull BC One.

Il percorso storico-sportivo della Breaking proseguirà con le performance degli atleti più giovani della FIDS: Luca La Falce in arte Bboy Frello, Alessandro Plos in arte Bboy Plos, Francesco Cerrulli in arte Bboy Wakko, Edoardo Luziatelli in arte Bboy Calligola, Lorenzo Brocchetti in arte Bboy Easy Shark, Luca D'Antonio in arte Bboy Amar, finalista al Red Bull BC One e Alex Mammì in arte Bboy Lele, campione italiano in carica. Tutti gli atleti fanno parte della crew “Lotta Boys”, una crew emergente che annovera al suo interno alcuni fra i breaker più promettenti in ambito nazionale. 

Festival dello Sport 2