Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/media/k2/items/cache/medium/3de37b3f2de6564a2ea064ec2afe25d4_L.jpg
La Federazione

Alessandra Cortesia è Alfiere della Repubblica

 

«Nulla regge senza impalcatura. La nostra società, il nostro vivere insieme non starebbe in piedi senza la solidarietà. Voi l’avete praticata e dimostrata». Con queste parole il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha concluso il suo intervento nel Salone delle Feste del Palazzo del Quirinale nel quale ieri mattina si è svolta la cerimonia di consegna degli Attestati d’Onore ai nuovi Alfieri della Repubblica.  

Per questa edizione, la nona da quando è stato istituito il riconoscimento, fra i 29 neo Alfieri della Repubblica l’unica sportiva ad essere premiata è stata Alessandra Cortesia, campionessa Olimpica di Break Dance che alle Olimpiadi Giovani di Buenos Aires ha vinto la medaglia d’argento.

«È stata un’emozione incredibile, un momento indelebile nella mia mente. Ringrazio il Presidente Mattarella, la mia famiglia, la FIDS e gli Street Warriors – ha dichiarato Alessandra Cortesia. Con questo riconoscimento spero di poter essere un esempio, di poter aiutare chi vive la stessa difficoltà che ho dovuto affrontare quando ero più piccola. Mi auguro - ha concluso - che la mia storia e il mio riscatto attraverso lo sport possano salvare altri. Noi siamo la chiave di noi stessi, basta aprire la porta nella quale si è costretti a vivere per trovare una nuova luce».

Credit Photo di apertura: Palazzo del Quirinale 

 

Discorso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Video Consegna Attestati d'Onore Alfieri della Repubblica

 

 

 

 

 

Rassegna Stampa

 

Gazzetta dello Sport del 17-03