Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/joomlart/article/675d28c04794e3c683f4419536c4c15f.jpg
News

"Fratelli di Sport", prorogata al 31 luglio la scadenza per la consegna dei progetti

26 giugno.

ATTENZIONE: prorogata al 31 luglio la scadenza per la consegna dei progetti

 

Per il terzo anno consecutivo, è stato siglato un accordo tra il CONI e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in materia di integrazione sociale dei migranti attraverso lo sport.

il CONI e il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali considerano la promozione delle politiche di integrazione uno strumento prioritario per favorire la convivenza dei cittadini italiani e stranieri, nel rispetto dei valori sanciti dalla Costituzione Italiana, e per consentire allo straniero di partecipare alla vita economica, sociale e culturale della società. La finalità del progetto, nel 2015, è stata quella di proseguire nella cooperazione attivando una cooperazione sinergica nello sviluppo di azioni finalizzate a:
- Contrastare le forme di discriminazione razziale e di intolleranza;
- Favorire l'integrazione sociale della popolazione straniera attraverso lo sport.


La Call to action 2016, rivolta a tutte le Associazioni Sportive Dilettantistiche, è finalizzata a promuovere e valorizzare progetti che rappresentino le "Buone Pratiche”, a favore dell’inclusione e dell’integrazione dei giovani di prima e seconda generazione, provenienti da un contesto migratorio.

Saranno considerate Buone Pratiche, le iniziative realizzate a livello territoriale e/o nazionale che abbiano attribuito un ruolo centrale all’etica sportiva e ai principi del Manifesto dello Sport e dell’Integrazione, oltre a rispettare i concetti fondamentali del progetto:
1 inclusione e integrazione dei giovani di prima e seconda generazione, provenienti da un contesto migratorio;
2 contrasto all’intolleranza e alla discriminazione nell’accesso allo sport;
3 valorizzazione della diversità.


I progetti proposti dovranno essere attinenti ai concetti sopraesposti e ai princìpi del Manifesto dello Sport e dell'Integrazione pubblicato sul sito di progetto www.fratellidisport.it, realizzati negli ultimi tre anni, oppure da completare entro dicembre 2016.

ll form, scaricabile dal sito www.fratellidisport.it - una volta compilato in tutte le sue parti, timbrato e firmato da chi segnala la "buona pratica" - va scansionato in formato pdf ed inviato entro il 31 luglio 2016 all'indirizzo email sport.integrazione@coni.it

 

BDG