Lunedì, 15 Ottobre 2018 12:00

Manuela: "Per me e Wilmer la danza è una ragione di vita"

Per loro la danza sportiva è esaltazione, ispirazione, realizzazione. A Bertrange si sono riconfermati per la terza volta consecutiva campioni del mondo WDSF Master Class II Standard. Ventisei anni insieme. Passione, fierezza, forza interiore e una carica di energia che li porta a una sfida quotidiana, anche con loro stessi. Sono Wilmer Righero e Manuela Traversi, coppia in pista e nella vita. Abbiamo parlato con Manuela che ci ha raccontato un po’ di loro e del loro ultimo successo sportivo.

Partiamo dalla finale?

È stata una gara molto combattuta, con un livello di difficoltà molto alto. I nostri avversari erano in gran forma, non è stato facile ripetersi e soprattutto vincere. Da professionisti è stato il nostro terzo campionato del mondo vinto di fila.

Quindi, campioni uscenti?

Sì, ci siamo riconfermati. E con la medaglia d’oro di Bertrange abbiamo difeso e conquistato il titolo per la terza volta consecutiva. È stata una soddisfazione doppia e, anzi, un po’… tripla.

Per confermarsi ad alti livelli nello sport bisogna essere fuoriclasse…

So che è difficilissimo, anche perché gli atleti, gli avversari che incontri hanno la tua stessa voglia, la tua stessa fame e in pista mettono tutto quello che hanno dentro per ballare bene e per vincere. 

Qual è il “kit” per gare così impegnative?

Una concentrazione massima. Ci estraniamo da ciò che ci circonda e pensiamo solo al ballo, non guardiamo gli avversari, siamo concentrati solo su noi stessi e su quello che dobbiamo fare in pista. Siamo tranquilli, dobbiamo dare tutto e mostrare il nostro “prodotto”. Dobbiamo finire la gara con la soddisfazione di dire ‘abbiamo ballato bene, abbiamo dato tutto’, poi il giudizio finale è soggettivo. Per noi l’importante è essere fieri di noi stessi. Il giudizio finale deve essere sempre accettato, che sia positivo o negativo.

Quando avete iniziato a ballare?

Abbiamo iniziato 26 anni fa, una vita fa. Siamo prima diventati coppia in pista e poi nella vita.  Io ho iniziato per caso, con un corso collettivo, mentre mio marito era già attivo nel mondo della danza. È stato un percorso lunghissimo che ci vede ancora entusiasti e appassionati.

Avete un segreto?

La passione. Solo con la passione puoi vivere una vita vera da atleta. Poi certo una grande dose di competitività devi averla, ma senza la passione e senza sacrifici non si arriva da nessuna parte. Noi nella nostra vita abbiamo rinunciato a tutto pur di vivere il nostro sport. Ancora adesso non c’è settimana, non c’è giorno che non ci alleniamo, che non passiamo ore e ore in palestra. Io mi alleno con gli amatori per mettermi alla prova, per sfidare me stessa, per essere al top nella mia categoria. Lo stimolo, la sfida quotidiana unite alla passione sono per noi le chiavi per vivere lo sport agonistico senza fatiche e con la voglia di apprendere e di crescere come atleti con lo stesso spirito di quando abbiamo iniziato.

Quindi la danza per voi è….

La danza sportiva per noi è tutto, un’attività dalla quale non riusciamo e non vogliamo a separarci. E questa sensazione, giuro, è meravigliosa.

Letto 1309 volte