Martedì, 06 Febbraio 2018 17:43

Uno speciale grazie dal nostro Presidente

“Non v’è Arte là dove non v’è stile”, ammoniva Oscar Wilde. Di questo vi parlo all’indomani dei meravigliosi Campionati di Foligno. Le prestazioni di tutti hanno confermato, una volta di più, che la Danza è una miscela di sport ed espressione artistica che ci rende unici.  

A Foligno ho visto in pista avvicendarsi una generazione dopo l’altra. Si sono cimentate in ogni disciplina, in ogni specialità, sull’onda di una selezione musicale di altissimo livello, con una conduzione di alto profilo e sotto l’occhio attento e vigile di giudici che sono stati al tempo stesso custodi e garanti della trasparenza e del rispetto dei valori del nostro sport.

Se un’attività mostra in modo così significativo e con standard di eccellenza le sue peculiarità c’è di che essere orgogliosi. Siamo uno Sport a pieno titolo, ma lo siamo con la S maiuscola perché quando si parla di Danza non si parla solo di misurazioni, di valutazioni e di prestazioni. Si parla anche di stile, eleganza, correttezza e fair play.

Ed è con questo orgoglio che desidero ringraziare gli atleti (dai nostri giovani agli ammirevoli senior), le loro famiglie, i loro tecnici e i loro allenatori. Inoltre, desidero ringraziare anche, e con animo grato, i giudici, i quadri, i dirigenti federali, i collaboratori ed il personale dipendente che hanno confermato standard di livello assoluto in termini di efficienza e di efficacia. Grazie anche alla città di Foligno, sempre ospitale e generosa con il popolo della Danza sportiva.

Il mio ultimo doveroso pensiero non può che essere per il Consiglio federale che ho l’onore di presiedere. La condivisione di intenti e di obiettivi sono una fonte di ispirazione che mi inducono a proseguire con determinazione nella virata che abbiamo impresso per rendere il nostro sport non solo più popolare, ma più accessibile e amato da un pubblico consapevole dei benefici e dei valori di cui siamo portatori.

Foligno è alle spalle. Adesso riprendiamo il lavoro. Ci attendono le competizioni di Rimini. Ci attendono nuove prove, nuovi esami, nuove performance a ogni livello. Con la consapevolezza di avere un compito alto da svolgere. Con i valori che sono propri della Danza sportiva: stile, correttezza e fair play.

A tutti voi il mio ringraziamento e il mio abbraccio.

Michele Barbone

Letto 1397 volte Ultima modifica il Mercoledì, 07 Febbraio 2018 09:19